Approfondimenti

...la cura dell'ambiente...


La cura dell'ambiente è fondamentale quanto la presenza di un insegnante.

Mobili e arredi fatti su misura dei bambini, messi in modo che possano trasportarli, leggeri, che possano essere spostati con facilità. Quadri appesi ad un'altezza che permetta al bambino di osservarli comodamente,tutto ciò che occorre per la pulizia deve esser messo a portata loro. Mobili lavabili,così imparano a fare attenzione, vedono le macchie e si abituano col tempo ad essere responsabili della pulizia di tutto ciò che li circonda. Tavoli e sedie senza gomma per invitare il bambino a padroneggiare la propria forza, i muscoli.

Sì a bicchieri di vetro e piatti di porcellana!
Nella "sua" casa il bambino tende naturalmente ad essere accurato e gentile più che può e cerca di sorvegliare al meglio i propri movimenti entrando così nella "via della perfezione" senza accorgersene e imparando questo atteggiamento lo riproporrà nel suo futuro. Lui lavora da sé per il proprio perfezionamento, la strada giusta gli è indicata sia dagli oggetti che adopera, sia dalla possibilità di riconoscere da solo i propri errori per mezzo di questi oggetti.

Crescere = diventare uomo, cerca di esercitarsi, esercizio vuol dire sviluppo.
Il bambino quando vuol fare qualcosa proprio da solo, ci si mette di impegno, ed è tutto animato. Noi lo vediamo affannarsi e subito interveniamo per portare assai meglio a compimento il lavoro che egli aveva cominciato. Forse che la voce del tentatore non suona così? "TU VUOI LAVARTI, VUOI VESTIRTI, NON TI TORMENTARE TANTO: CI SONO IO CHE POSSO FARE SUBITO TUTTO CiÒ CHE IL TUO CUORE DESIDERA". Ed il bambino al quale abbiamo tolto ogni buona volontà, diventa capriccioso; noi accontentiamo i suoi veri capricci e crediamo così di fargli del bene.

Ora noi dobbiamo saperci vincere, tirarci in disparte ed osservarlo, seguirlo quasi ad una certa distanza, senza affaticarlo col nostro intervento, ma anche senza mai abbandonarlo. Quasi sempre lo vedremo tranquillo, bastare a se stesso finchè sarà occupato in qualche lavoro che gli sembri serio. Che cosa resta da fare per noi, se non osservare? Così si crea la scuola in cui i bambini sviluppano spontaneamente la loro attività, mentre la maestra si limita all'attesa, proprio il contrario di ciò che accade nelle solite scuole, dove la maestra si assume la parte attiva mentre il bambino deve restar passivo. La maestra deve limitarsi sempre più alla sola osservazione, quanto più aumentano i progressi dei bambini.